Rifiuti: autorizzazioni per impianti mobili di recupero e/o smaltimento

Un impianto mobile dovrà essere autorizzato ai sensi del dell’art. 208, comma 15 D.Lgs. 152/06 e s.m.i. con le modalità ed i termini di una autorizzazione ordinaria nel rispetto di quanto previsto dalla d.g.r. 7 agosto 2009 n. 10098 i cui termini dovranno essere seguiti anche per lo svolgimento delle campagne di attività.

Cosa fare

L’istanza deve essere presentata, completa di tutta la documentazione, esclusivamente per via telematica mediante la piattaforma regionale Procedimenti, accessibile tramite il link https://www.procedimenti.servizirl.it/ secondo quanto previsto dalla d.g.r. n. 4174 del 30/12/2020 e relativi allegati);

Il soggetto coinvolto nel procedimento è l’A.R.P.A. di Sondrio.

La ditta al rilascio dell’autorizzazione è obbligata a prestare la garanzia finanziaria che dovrà avere validità per l’intera durata del provvedimento e per i 12 mesi successivi e comunque fino alla avvenuta liberazione da parte della Provincia di Sondrio secondo quanto previsto dalla d.g.r. 19461/2004.

Successivamente all’ottenimento dell’Autorizzazione l’impianto mobile può effettuare delle campagne di attività che hanno una durata massima di 120 giorni e possono effettuarsi esclusivamente nel luogo dove o rifiuti sono prodotti; la comunicazione della campagna di attività deve essere effettuata alla Provincia, all’ARPA, all’ATS ed al comune territorialmente competenti almeno 20 giorni prima del suo inizio.

Qualora per tipologia di rifiuti e di operazioni nonché capacità di trattamento l’impianto rientri tra quelli di cui agli allegati III e IV della parte II del d.lgs. 152/06, dovranno preventivamente essere attivate le procedure di V.I.A. o di verifica di assoggettabilità alla V.I.A.

Esclusione verifica di assoggettabilità a V.I.A.

Con la modifica apportata all’allegato IV, Parte II del Codice dell’Ambiente dalla Legge n. 108/2021 è prevista l’esclusione dalla verifica di assoggettabilità a V.I.A. per questa tipologia di impianti, in relazione alla tipologia dei rifiuti trattati e alla durata delle campagne.

In particolare, non è più necessario svolgere la verifica di assoggettabilità a V.I.A. per:

  • gli impianti mobili volti al recupero di rifiuti non pericolosi provenienti dalle operazioni di costruzione e demolizione, qualora la campagna di attività abbia una durata inferiore a 90 giorni;
  • gli altri impianti mobili di trattamento dei rifiuti non pericolosi, qualora la campagna di attività abbia una durata inferiore a 30 giorni.

Le eventuali successive campagne di attività sul medesimo sito sono sottoposte alla procedura di verifica di assoggettabilità a V.I.A. qualora le quantità siano superiori a 1.000 metri cubi al giorno.

Costi

Gli oneri a carico dei richiedenti per il rilascio di nuove autorizzazione per impianti mobili ammontano ad € 650,00

Note

Requisiti per chiedere un'autorizzazione per un impianto mobile:

  1. l'impianto mobile deve essere in piena ed esclusiva disponibilità del soggetto che richiede l'autorizzazione;
  2. le operazioni di recupero e/o smaltimento rifiuti a mezzo impianto mobile devono essere svolte esclusivamente dal soggetto autorizzato, e i rifiuti ed i materiali derivanti dal trattamento sono a tutti gli effetti prodotti dal titolare dell'autorizzazione.

Si ricorda che un impianto mobile non può effettuare campagne di attività all’interno di impianti di smaltimento e/o recupero rifiuti.

Normativa di riferimento

Per informazioni

Andrea Canclini
Telefono: 0342 531356
E-mail: andrea.canclini@provinciasondrio.it

Cristiana Pedrazzoli
Telefono: 0342 531219
E-mail: cristiana.pedrazzoli@provinciasondrio.it

Orari

Da lunedì a giovedì dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:30 alle 16:30.
Il venerdì mattina dalle 9:00 alle 12:00

Responsabile del procedimento

Settore Agricoltura, Ambiente, Caccia e Pesca
Servizio ambiente e rifiuti
Responsabile: Silvia Dubricich
Telefono: 0342 531644
E-mail: silvia.dubricich@provinciasondrio.it

Potere sostitutivo

In caso di inerzia del responsabile di servizio, trascorsi i termini di conclusione del procedimento, il potere sostitutivo è in capo al Dirigente di Settore
Pieramos Cinquini
Telefono: 0342 531252
E-mail: pieramos.cinquini@provinciasondrio.it